Il sistema di combattimento

Pekiti Tirsia può essere tradotto con “tagliare in piccoli pezzi”. Ciò non solo sottolinea l’importanza delle armi da taglio nel sistema di combattimento ma anche l’approccio generale del guerriero che fa uso di quest’arte: nel rispetto delle distanze corrette e del timing, ogni parte dell’avversario è un bersaglio, dalle articolazioni ai punti meno protetti e critici. Riducendo in “pezzettini” l’aggressore si è sicuri di ottenere la sua completa resa o di guadagnare il tempo necessario per mettersi in salvo.

Simmetricamente, ogni nostro arto può essere usato per attaccare: la Pekiti Tirsia non è uno sport, oltre alle convenzionali tecniche di boxe e calcistica, troviamo l’ampio uso di gomiti, testate, schiaffi, spallate e tutto ciò che rientra nella Dirty Boxing (boxe da strada).

Le tecniche di striking (Pangamut) si fondono perfettamente con quelle di lotta e di rottura (Dumog) in ciò che viene chiamato Dumpag (simile a ciò che in Occidente viene chiamato Panantukan).

Ma tutto questo non sarebbe possibile senza la parte più ampia della Pekiti, l’uso delle armi: fin dall’inizio si impara a combattere con armi da taglio e da impatto con i propri compagni di allenamento. I benefici sono molteplici, ad esempio usare una spada implica la necessità di essere perfetti nel timing e nella posizione. Nella realtà, un semplice errore provocherebbe tagli e ferite mortali allo sconfitto. Tale precisione è un attributo che solo una spada può conferire al praticante e verrà automaticamente trasferito nel combattimento a mani nude.

 

“Non ci si può difendere da qualcosa che non si conosce.”

 

La Pekiti Tirsia permette di saper affrontare le situazioni close-quarter (a distanza ravvicinata), passando in rassegna tutte le possibili armi, principi e tecniche garantendo al praticante una conoscenza a 360 gradi.

Nonostante sia un sistema completo e autonomo da altre discipline, è fortemente compatibile con conoscenze già acquisite, che siano altre arti marziali oppure sport da combattimento. Non è necessario disimparare ciò che già si padroneggia ma è importante studiare tutti gli aspetti della difesa personale e, più in generale, del combattimento.

Il vero guerriero non crede nella difesa, spesso insufficiente per sopravvivere, ma nel contrattacco, la capacità di ribaltare la situazione e portare l’avversario ad essere passivo.

Sebbene non sia uno sport, la Pekiti Tirsia è lo stile fondamentale dei Dog Brothers, i famosi combattenti di stick-fighting full contact senza alcuna protezione.

487607_10200914542972083_46207368_n

Quest’arte è uno stile che appartiene alle Arti Marziali Filippine (FMA) ed è il sistema di combattimento della famiglia Tortal che, l’attuale erede, GrandTuhon Leo T. Gaje Jr., si è impegnato a diffondere in tutto il mondo.

A differenza di molti altri stili di FMA (e più in generale di altre arti marziali ), la Pekiti offre uno studio scientifico e progressivo del combattimento affinchè il praticante conosca e possa applicare le sue conoscenze potenzialmente in ogni situazione. Inoltre, i principi e le tecniche sono così sensati da poter essere dedotti istintivamente durante la pratica.

L’enorme successo delle Pekiti Tirsia non è dovuto solamente al fatto di essere un sistema reale e totalmente applicabile nell’ambito della “difesa personale”, ma anche perchè la sua pratica conferisce un movimento efficace, fluido e coordinato indipendentemente dal fatto che si stia utilizzando una spada o che si stia combattendo a mani nude. Il segreto per ottenere ciò è l’incredibile footwork (spostamenti dei piedi) su cui si basa l’intero sistema: la persona che sa muoversi meglio nello spazio a disposizione avrà sempre il vantaggio sugli avversari.

Tali caratteristiche provocano grandi miglioramenti anche nel modo di fare della persona: aumenta la confidenza verso il proprio corpo, il livello di coordinazione e di presenza psicofisica, la capacità di valutare le situazioni e la consapevolezza dei propri limiti (in modo da poterli lentamente superare).

 

“Pekiti-Tirsia Kali is the Art of Modern times in the living past!”

 

Pur essendo un sistema antico, la Pekiti Tirsia Kali è perfetta per il mondo moderno: oltre ad eccellere nel combattimento, plasma persone forti, rispettose, disciplinate e soprattutto consapevoli degli effetti della violenza.
Capire davvero quest’arte vuol dire credere nella Vita, nella Salute e nel Successo.